Dominique Perrault. The book

La seconda natura dell'architettura

La seconda natura dell’architettura presenta un’intervista, una conferenza e una serie di saggi coi quali viene analizzato il percorso teorico e professionale di Dominique Perrault. Daniele Mancini ha seguito l’architetto, dallo studio in Rue Jean-Baptiste Berlier fino alle sue incursioni a Milano durante il Salone del Mobile, nel tentativo di andare oltre l’immagine consolidata dell’architetto protagonista dello star system e di scandagliare le nuove direzioni della sua ricerca architettonica, la sperimentazione dei materiali e dei particolari, tutto ciò che contribuisce a rendere la sua seconda natura dell’architettura indispensabile al dibattito contemporaneo. Nel libro si accenna anche ad alcuni progetti italiani che hanno visto coinvolto lo studio Dominique Perrault Architecture come Piazza Gramsci a Cinisello Balsamo, Piazza Garibaldi a Napoli e la costruzione di passerelle pedonali e di una stazione di autolinee a Palermo. Il libro contiene anche due saggi di Frédéric Migayrou e Toyo Ito.

Daniele Mancini (2007), Dominique Perrault. La seconda natura dell’architettura, Milano: Postmediabooks

In basic design we trust | in disobedience we teach | in solidarity we live

 

What
UNPACKED is an agile and fresh Office supporting a wide range of creative activities. Mainly is a common ground for speculations over cross-fertilizing projects involving diverse disciplines including art, architecture, urban planning, photography, design, business innovation, teaching, communication and more.

Mission
UNPACKED unveils the opportunities hidden into the folds of obvious and banal, through architectures, installations, exhibitions, performances, workshops, various experiments of communication and relational design, instant and spontaneous playgrounds, experments inbetween digital and analog.

Bio
The office based in Rome started in January 2005 thanks to the Young Entrepreneurs European funds “Sviluppo Italia” and is currently driven by Daniele Mancini and Irene Rinaldi, both architects and educators